15 settembre 2019 : controllo del peso e nuovo obiettivo

Peso 15 settembre 2019
Oggi è stato il giorno del controllo del peso e, comesi vede dalla immagine in alto a sinistra c’è stata una graditissima sorpresa. Sono sceso dai 110,4 kg ai 108,8 kg per una perdita in una settimana di 1,6 kg.

Cosa ho fatto per perdere questo peso onestamente non lo so, ho soltanto cominciato a mangiare un pochino più decentemente, senza abbuffarmi di cereali (mi limito ai 60 grammi di muesli al mattino) e soprattutto cercando di mangiare ad orari “consoni”.

Adesso però c’è un “problema”, il 5 ottobre siamo stati invitati ad un matrimonio e “l’unico” vestito da cerimonia che ho non mi entra, sia la giaccia (non si abbottona) ed il pantalone (idem come la giacca).

Adesso per le prossima tre settimane devo mantenere un regime alimentare di quelli alla Dottor Nowzaradan per cercare di perdere almeno 5 kg e riuscire ad entrare in quel benedetto abito. Naturalmente per riuscirci ho bisogno di una tranquillità psicologica che al momento non ho. Se però il trend riuscisse a rimanere quello dell’ultima settimana, allora qualche speranza di riuscire a perdere i 5 kg che mi sono prefissato c’è.

Quindi da domani cercherò di postare giorno per giorno il diario alimentare, magari il miracolo riesce.

8 settembre 2019, controllo del peso ed altre news

Peso del 8 settembre 2019
Scrivo il post la mattina di lunedi 9 settembre, perché ieri (giornata nella quale mi sono pesato) non ho avuto tempo ma soprattutto la forza di scrivere.

Cominciamo dalle buone notizie, sono finiti gli M&M’s, finalmente non avrò più quella fastidiosa tentazione di andare nel frigo e mangiarne una manciata.

L’altra buona notizia è che la mattina del giorno 8 mi sono pesato, 110,4 kg considerato che l’ultimo peso rilevato era 111,5 kg c’è stato un calo ponderale di 1,1 kg

Fine settimana nella norma, sabato mattina siamo usciti con i bambini a fare una passeggiata per il paese, andando anche a comprare la cancelleria per la scuola che è prossima ad iniziare (mercoledi 11 settembre), mentre ieri siamo andati ad una festa di compleanno di un amichetto di scuola dei bambini.

Prossimo controllo del peso domenica 15 settembre 2019, il mio target è di perdere almeno 1 kg a settimana in modo continuo e costante.

Se non finiscono gli M&M’s

Il Doc mi consiglia di chiudere il frigo

Sono le 4.35 del 7 settembre 2019, da qualche notte soffro di una fastidiosissima insonnia, è pur vero che i bambini la notte tribolano, ma dopo che mi sono alzato perché mi hanno chiamato dovrei riuscire a prendere sonno, ed invece mi trovo sul divano con gli occhi spalancati e non riesco più a dormire.

Eccomi quindi a commentare la giornata di ieri, il titolo dice tutto, se non finiscono quei maledetti cioccolatini in frigo non riuscirò mai a completare una giornata con un diario alimentare da 10 in pagella.

Riesco tranquillamente ad assumere ai pasti principali tutti gli alimenti che dovrei assumere, però c’è sempre quella cavolo di tentazione di aprire il frigo e scoprire cosa c’è di buono dentro, forse è la noia ? Ieri mi sono concesso anche un gelato Magnum Algida nel pomeriggio, al momento non potrei proprio permettermelo, devo rimettermi in riga subito e domattina mi peserò.

Oggi intanto mi aspetta una lunga giornata, è arrivato l’elenco del materiale scolastico da portare a scuola il prossimo 11 settembre, bisogna andare a comprare quello che manca e cominciare ad etichettare tutto.

05 settembre 2019 : si riparte, obiettivo estate 2020

Sono le 5.10 del 6 settembre 2019 e, siccome la bambina sta tribolando da un paio di ore, probabilmente delle colichette dovute alla zuppa di verdura che le hanno propinato ieri sera, eccomi qua a scrivere il post sulla giornata ieri, quella della ripartenza.

Mi sono pesato ieri mattina, non mi peserò stamattina, penso di farlo tra un paio di giorni, domenica mattina, in modo da avere un quadro della perdita di peso quanto più chiaro e delineato.

Cosa ho eliminato ieri ? Ho totalmente eliminato le bibite gassate anche se zero zuccheri e zero calorie, ho bevuto solo ed esclusivamente acqua di fontana.
A pranzo ho mangiato dei funghi trifolati con wurstellini di soia e 2 frese integrali, colazione la mia tazzina di muesli (non cereali al cioccolato, sono due cose completamente differenti), la sera a cena bocconcini di petto di pollo con verdure grigliate.

Spezzafame del mattino uno yogurt greco fage 0% grassi e durante tutta la giornata ho preso 5 caffè senza dolcificanti, di cui 2 decaffeinati.
C’è stato uno sgarro però a quello non sono proprio riuscito a rinunciare, una manciata di M&Ms che sono in frigorifero, quel benedetto frigorifero che dovrò cercare di aprire solo quando serve e non quando ho voglia di sgarrare.

Non ho misurato la glicemia, non la voglio misurare, sono sicuro che è altina, misurerò anche questa o domenica mattina o la settimana prossima, vedrò giorno per giorno come vanno le cose, per il momento sono ripartito, spero di tenere il ritmo, magari evitando gli sgarri come quello odierno.

5 Settembre 2019 : l’estate è finita, mi rimetto in riga

E’ il 5 settembre del 2019, l’estate è finita, tra una settimana ricominciano le scuole ed è giunto il momento di tirare le somme.

Sono andato a controllo dalla nutrizionista il 3 luglio, la mattina a casa il peso era di 104,5 kg mentre sulla bilancia in studio il peso si era fermato sui 103.8 kg, bene molto bene.

Anche i valori della glicemia erano sotto controllo fino a quel momento con l’emoglobina glicata che era scesa fino a 49.

Poi sono cominciate le vacanze, il senso di rilassamento per il risultato raggiunto si è fatto largo ed ho cominciato a fare danni.
In primis ho cominciato a mangiare cereali, per intenderci quelli con dentro i pezzetti di cioccolata, mentre riuscivo a controllarmi ero anche capace di pesare i soliti 50gr, durante le vacanze sono riuscito a mangiarne anche un pacchetto da 375gr al giorno che fatti due conti fanno circa 1600 kcal, ovvero solo con i cereali avevo superato il mio fabbisogno calorico giornaliero.

Ma ero in vacanza, quindi l’apporto calorico maggiore veniva in qualche modo compensato dal regime alimentare corretto che riuscivo a mantenere durante i pasti della giornata e dall’attività fisica che era parte della mia giornata.

Poi sono finite le vacanze, si ritorna a casa, ma le cattive abitudini non sono rimaste al mare, ho continuato a mangiare un pacco di cereali al cioccolato ogni giorno, solo che questa volta non c’era l’attività fisica a supportarmi, in quanto tornato al lavoro ero rientrato nella mia sedentarietà giornaliera.
Non ho controllato più la glicemia (ed onestamente non ho intenzione di controllarla almeno per i prossimi 30gg) ed ho continuato a fare i piccoli sgaretti giornalieri che al mattino dopo costavano tra i 2-3 etti sulla bilancia, affettato, qualche cioccolatino, insomma tutto quello che avrei dovuto evitare.

La cosa positiva è stata invece quella che nei pasti principali invece riuscivo a tenere il regime alimentare corretto, pesando gli alimenti, purtroppo gli sgarri mi hanno fregato.

Ed arriviamo ad oggi, 5 settembre 2019, salgo sulla bilancia e vedo un terrificante 111.5 kg, ovvero in poco più di 2 mesi ho rimesso su ben 7 kg e la cosa comincia a non piacermi, anche per l’obiettivo che mi sono posto per l’estate del 2020, ovvero di arrivare sotto i 90 kg.

Non voglio piangermi addosso, ho sbagliato, lo so, ho visto aumentare il mio peso giorno dopo giorno, ed ogni giorno dicevo “da oggi mi rimetto in riga”, salvo poi ricadere nelle stesse tentazioni giornaliere, però da oggi c’è da dare una svolta, mancano 10 mesi alle prossime vacanze estive e devo perdere almeno 20 kg, quindi in media sono 2 kg al mese, un traguardo nelle mie possibilità.

Non prometto di mettere il diario alimentare tutti i giorni, ci proverò, intanto da qualche giorno finiti i cereali al cioccolato, sono passato al più salutare muesli.

Ce la posso fare, ce la devo fare.

16 giugno 2019 : giorni da solo a casa I

Ieri è stato il primo giorno da solo a casa, la famiglia (bambini compresi) sono andati al mare ed io che non posso prendere tante ferie durante l’anno sono rimasto a casa a lavorare.

Quindi non solo ho tutta la casa a disposizione, ma anche il frigorifero ed il congelatore nonché tutto il tempo per potermi abboffare di tutto quello che voglio.

Mi sono pesato al mattino, il peso era di 106.6 kg, un tantino più alto di quello che mi aspettavo, ma nel pomeriggio dopo essermi riposato mezza giornata ed aver somatizzato il fatto che adesso posso riposare quando e quanto voglio sono andato dal fruttivendolo a fare scorta di frutta e verdure, nei prossimi giorni avendo degli sgarri già programmati cerco di compensarli con i pranzi a base solo di verdure.

Così ho fatto ieri sera (petto di pollo con melanzane grigliate per compensare il fatto che abbia finito le due buste di patatine fritte che erano rimaste in casa, per fortuna non tante) e così come ho fatto oggi, e la cosa non è minimamente pesata anche perché ho cercato di mantenermi tutta la giornata impegnato o almeno tenedo impegnato il cervello.

Così stamattina mi sono pesato e la bilancia segnava 105.8 kg mentre la glicemia ha segnato 93 mg/dL una misurazione molto buona.

Anche oggi ho compensato, ma di questo ne parlerò domani dopo aver misurato peso e glicemia a digiuno.

 StA

15 giugno 2019 : una settimana di relax ?

Oggi è il 15 giugno 2019, mancano 3 giorni al mio compleanno e la famiglia stamattina parte per la prima settimana al mare (i bambini sono stufi e non stanno più nella pelle).

Sarà una settimana dove non ho pianificato assolutamente nulla, se non andare dal cliente martedi (proprio il giorno del compleanno) e dove mi toccherà principalmente sistemare la casa in quanto prevedo che me la lascino in condizioni abbastanza pietose.

In questa settimana però voglio che le giornate positive siano la maggioranza rispetto a quelle “negative” (per positive intendo ligie al regime alimentare) e soprattutto trovare il tempo per potermi riposare e dormire quando e quanto voglio (anche stamattina mi sono svegliato alle 3.10).

Quindi stamattina mi sono pesato, la bilancia si è fermata sui 106.6 kg (non pensavo di aver fatto 1,9 kg di danni negli ultimi 10 giorni) e controllerò il peso ogni mattina congiuntamente alla glicemia per monitorare i progressi della prossima settimana dove :
– lunedi sera ho una cena al ristorante messicano
– martedi in ufficio pane e mozzarella
– venerdi in ufficio porterò la parmigiana di melanzane

Quindi devo lavorare tanto su di me, soprattutto al ristorante dove cercherò di mangiare sano ed evitare i carboidrati.

24 maggio 2019 : una giornata ipercalorica

Ormai tengo aggiornato il blog una volta a settimana, non il tempo e la voglia di aggiornare tutte le sere, a stento riesco a tenere il diario alimentare e a tenere traccia delle misurazioni della glicemia al mattino a digiuno.

Bene, parliamo proprio di diario alimentare, un ottimo alleato nel percorso che una persona che soffre di obesità e di attacchi di fame compulsiva ha al suo fianco e che magari riletto il giorno dopo può aprire gli occhi su errori commessi, in modo da non incapparci ancora.

Ieri la giornata fino ad ora di pranzo stava andando bene, ero riuscito a mantenermi nei ranghi, poi il patatrac. Il bambino torna da scuola senza la borraccia ed il temperamatite, la rompicoglioni del piano di sotto mi spacca talmente i coglioni da costringermi ad andare a scuola per recuperare il tutto.

A quel punto erano le 13.30, aspetto che i bambini finiscano di pranzare, li metto a guardare i cartoni, sono le 14.00 non ho alcuna voglia di accendere i fornelli e cuocermi la pasta, quindi mi bagno 3 freselle integrali (150gr) e scolo un baratto di cipolle borrettane in aceto di vino.

Il danno è fatto, mi parte una fame compulsiva, apro il frigorifero e prendo un pacchetto di wurtel viennesi di tofu (200gr).

La sera ho dovuto cucinare un pacco di bocconcini di pollo (400gr) e mi sono mangiato anche 300gr di patate novelle al forno, insomma peggio di così non poteva andare.

Alla fine il diario mi traccerà circa 2400kcal, il doppio di quelle che dovrei assumere, meno male che devo pesarmi lunedi mattina, altrimenti sono sicuro che stamattina la bilancia me l’avrebbe fatta pagare.

Altro discorso invece merita la glicemia, sia quella a digiuno che quella post prandiale. Quella a digiuno ormai si è stabilizzata, con valori che oscillano tra i 90 e i 110, mentre per quella post prandiale non ci sono più i picchi di una volta, anzi ieri sera il valore che ho misurato è stato di 85.

Prendere insegnamento dai propri errori, è questo il mio impegno di oggi, ho già messo a scongelare un pezzetto di merluzzo per questa sera, ho grigliato le zucchine per pranzo e per cena, pesato i 70 grammi di pasta integrale e scelto il sugo con il quale condirla.

16 maggio 2019 : quando il nervosismo ti fotte

Non è il tuo metabolismo che è lento

E’ inutile che mi nascondo dietro il dito, il problema più grande per chi come me soffre di disturbi alimentari legati all’obesità è soprattutto il nervosismo, tutto ciò che consegue sono delle abbuffate compulsive che ti portano ad assumere una quantità di cibo esagerata in un breve periodo di tempo.
Da quando ho ricominciato il percorso il primo di aprile episodi di fame causata dal nervosismo non mi erano ancora capitati, invece martedi 14 maggio ci sono ricascato.
Sono andato a lavorare presso la sede del cliente, sono uscito da lavoro alle 17.00 e stavo percorrendo in auto gli 80km che mi separavano da casa.
A pochi kilometri da casa mi squilla il telefono, mi chiamano dall’ufficio dicendomi che c’è un problema e che servirebbe il mio aiuto per la sua risoluzione. Naturalmente non c’è uno straccio di analisi e chi ha sollevato la questione non sa nemmeno se il problema sia “suo” oppure “nostro”.
Arrivo, a casa, la signora la becco in cortile che sta andando in palestra, saluto i bambini, la suocera scompare e mi ritrovo a dover risolvere il problema e fare cenare i bambini.
Naturalmente faccio prima cenare i bambini e poi mi metto a risolvere la problematica, naturalmente non avevo cenato.
Il tutto si risolve alle 19.50, avevo un nervosismo alle stelle e mi sono messo a cenare.
Quindi non solo non avevo voglia di cucinare, ho aperto il frigo e mi sono mangiato 140 grammi di petto di pollo arrosto, una fetta di pane integrale di segale e 200 grammi di wurstellini di tofu.
Non contento dovevo congelare una provola affumicata di 500 grammi, ma in congelatore ne è arrivata soltanto la metà.
Insomma nessuno sgarro dal punto di vista glicemico, ma solo dal punto di vista calorico (circa 800 kcal), poi naturalmente ho fatto fatica a smaltire il resto del nervosismo e quindi difficoltà a prendere sonno.
Prendendo spunto dalla miniatura allegata al post, questo episodio conferma la mia teoria che il dimagrimento parte in primis dalla testa, se non si è concentrati si rischia di incorrere in incidenti di percorso come quelli descritti in questo post.
Nei giorni successivi la situazione è tornata alla normalità, nessuno sgarro legato al nervosismo, stamattina mi sono pesato in farmacia ed ho avuto la sorpresa di vedere la bilancia scendere sotto i 110 kg (per l’esattezza 109.8 kg) tutto vestito.
La glicemia invece ha avuto una piccola impennata che non riesco ancora a spiegarmi, ma già stamattina è di nuovo in discesa, probabilmente dovrò perdere ancora tanto peso affinchè possa avere valori a “digiuno” nella norma.

28 aprile 2019 : dalla pizza al pronto soccorso in 3 ore

Pizza prosciutto e funghi
Pizza prosciutto e funghi

Dopo 28 giorni di dieta era giusto concedersi una “pausa” ed ho scelto di staccare mangiando una pizza da asporto dalla pizzeria dove la abbiamo sempre presa. Con la pizza ho preso anche 2 porzioni di patatine fritte per i bambini ed avendo preso 5 pizze da asporto alla fine ci è spettato anche l’omaggio che questa pizzeria concede, che questa volta è stato una scatolina con della frittura mista all’italiana.
Salito in macchina naturalmente, entrato nel giro dello “sgarro” mi sono mangiato subito lo scatolino di frittura mista all’italiana (fredda) e non contento ho affondato ripetutamente le mani nelle scatole delle patatine fritte dei bambini (porzioni molto abbondanti).
Quindi arrivato a casa ho cominciato a mangiare la pizza (onestamente avevo già lo stomaco pieno

I resti della pizza
Quel che resta della pizza

Ero talmente pieno che in primis non sono riuscito a mangiarla tutta, poi cosa che non mi era mai accaduta, non sono riuscito a mangiare nemmeno il cordone, anche la mamma dei bambini ha trovato la cosa molto strana ma non ci abbiamo dato peso in quanto era la prima volta che facevo un carico di carboidrati del genere dopo 28 giorni. Alla fine del pranzo, dopo aver guardato un pezzettino di gran premio dell’Azerbaijan sul PC ho continuato a guardarlo sul televisore e lì mi sono addormentato.
Mi sono risvegliato in torno alle 16.30 e subito ho capito che c’era qualcosa che non andava perchè avevo un dolore di pancia localizzato tutto nella parte destra, cerco di capire di cosa si tratta, ma il dolore è troppo forte tanto da impedirmi di camminare. Mi stendo, vado in bagno ma niente, il dolore non passa.
Dopo qualche minuto vado a chiamare la mamma dei bambini che intanto stava riposando giù e le dico di non star per niente bene e di essere in preda ad una colica enorme, dopo avermi cazziato perchè l’avevo svegliata mi dice di stendermi sul divano. Passata un ora il dolore non passa, nel frattempo dopo aver bevuto un paio di bicchieri di acqua vomito due volte e allora decidiamo di andare al pronto soccorso.
Accettazione al triage alle 18.43, nel frattempo dopo che mi hanno assegnato il codice (bianco) vomito per altre due volte nel pronto soccorso, e alle 19.15 finalmente vengo chiamato in ambulatorio.
L’infermiere mi prende la vena e subito mi fanno il prelievo del sangue, mi prendo la pressione e cominciano a farmi dei farmaci (Fentanest) che come primo affetto hanno quello di farmi passare il dolore.
Arrivano le analisi del sangue, tutte nella norma, tranne la glicemia che è a 288 (probabilmente ho vomitato anche i medicinali presi dopo pranzo), ma essendo i globuli bianchi e la PCR nei limiti escludono una qualsivoglia infezione e la Dottoressa pensa ad una colica renale. Intanto per far scendere la gicemia mi fanno 5 unità di insulina e mi mandano a fare l’ecografia, che oltre a mostrare il solito fegato steatosico, non mostra nulla di strano nei reni.
Alla fine arrivo a casa intorno alle 22.00 dopo le dimissioni, faccio lo stick della glicemia 230, a questo punto mangio un uovo sodo e prendo la terapia per la glicemia, il dolore intanto è tornato e mi impedisce di dormire bene. Alle 2.40 sono già in piedi, chiudo la porta della camera da letto per far dormire la mamma dei bambini che il mattino dopo deve andare al lavoro e torno sul divano per provare a dormire, ci riesco ma dormo malissimo ed al mattino sono talmente uno straccio che decido di non lavorare.

Continua…